salta la barra


Comune di Prato

 indietro

Biografie dei pratesi illustri

Giovacchino Benini

(1799 – 1866)

Nato a Prato il 23 febbraio 1799 da famiglia discretamente agiata, Giovacchino Benini, laureato a Pisa nel 1819 in giurisprudenza, non esercitò mai la professione, pur avendo fatto pratica forense a Firenze. Ebbe una grande passione per la stampa e contribuì, come traduttore e compilatore, a mantenere alta la reputazione della stamperia dei fratelli Giachetti.
Dopo aver lavorato per la tipografia Aldina, ne divenne proprietario con Filippo Alberghetti e Iacopo Martellini. Con l'Aldina iniziò la ristampa delle opere di papa Lambertini (Benedetto XIV), la collezione dei classici latini per le scuole, cominciata sotto gli auspici del Silvestri e degli insegnanti del Cicognini, e di numerose altre opere.
Fu tra i fondatori della Cassa di Risparmio a Prato, collaborò, insieme al Baldanzi, all'attuazione delle attività di Gaetano Magnolfi. Contribuí inoltre a riportare a nuova vita l'Accademia degli Infecondi di Prato. Di tendenze liberali, pur non partecipando alla politica attiva, soleva riunire nella sua casa gli esponenti più sinceri del nascente liberalismo pratese e fiorentino nelle frequenti «accademie domestiche» come le chiamavano allora. Collaborò al giornale «La Patria» e, nel 1848, fu segretario del Comitato elettorale pratese.
Negli studi e nelle attività benefiche trovò il Benini conforto alle sventure che la vita gli aveva riservate: la perdita della moglie prima, quella, a brevissima distanza di tempo, poi, delle due figliuole, Ebe ed Ada, morte giovanissime, perdite che contribuirono non poco a fiaccarne lo spirito e lo indussero sempre più a ricercare negli studi conforto alle sue disgrazie. Notevole la sua collaborazione al «Calendario pratese»: nei sei volumetti, per sei volte, il Benini espose la statistica della popolazione pratese; scrisse poi sul Monte di Pietà, del quale fu presidente per molti anni; illustrò la storia della famiglia Verzoni; vi ristampò, inoltre, la vita di Giovacchino Carradori.
a.a.

Questo personaggio è stato segnalato da Edoardo Borsini, aprile 2011.

Ultimo aggiornamento della biografia: 25.10.2012
 personaggio precedente

 indietro inizio pagina